Browse By

GT Force 29 Expert – Test mountain bike Gravity/Bike Park 29″

GT Force 29 Expert

La GT Force 29 Expert è una mountain bike pensata e progettata per utilizzo Gravity e in Bike Park, con ruote da 29″, 150 mm di escursione posteriore e forcella da 170 mm, evoluzione delle Force 27,5 da 150 mm e Sensor 29 da 130 mm che erano state presentate un anno fa e che avevano riportato in vita il sistema LTS, Linkage Tuned Suspension, il parallelogramma nato sulle full GT degli anni ’90.

La GT Force 29 è disponibile solo in alluminio, in due allestimenti, l’Expert del nostro test e l’Elite, il primo a 3.299,00 € e il secondo a 2.899,00 €. Questo progetto si caratterizza sia per il contenimento del prezzo che per una generale facilità di manutenzione, grazie ad esempio al passaggio cavi tutto esterno e all’utilizzo di componenti standard per reperire facilmente i ricambi di tutti gli snodi. C’è inoltre lo spazio per il portaborraccia e la bici è compatibile sia con gli ammortizzatori a molla che con quelli ad aria per una maggiore possibilità di personalizzazione a partire da un ottimo, robusto e ben rifinito telaio.

Vi spieghiamo le caratteristiche principali della GT Force 29 Expert nel video qui sotto:

Nel video seguente vi raccontiamo le nostre impressioni di guida della GT Force 29:

Una breve storia delle full GT degli anni ’90

Un dettaglio del carro posteriore della GT LTS (Linkage Tuned Suspension) introdotta nel 1996. La sinuosa biella è realizzata in titanio e l’ammortizzatore RockShox è stato sviluppato appositamente per questa bici.

Le full suspended di GT degli anni ’90 hanno lasciato il segno nella storia della mountain bike. Prima del sistema LTS c’era l’RTS, dove la R sta per rocker, che è sempre una piccola bielletta, in questo caso ricavata a CNC e posizionata appena dietro al movimento centrale.

Il carro della GT RTS (Rocker Tuned Suspension) del 1993

Un’ulteriore evoluzione è stata poi la GT STS, declinata in differenti versioni, sia con lo stesso carro delle LTS che in versioni più spinte come la STS DH Lobo di cui vi mostriamo un dettaglio qui sotto. Il triangolo principale dei telai STS (Single Tube Suspension) era realizzato in termoplastica con congiunzioni in alluminio. La termoplastica si differenziava dal carbonio per il processo di produzione che era anche reversibile, ovvero si poteva fondere per essere riutilizzata.

La GT STS DH Lobo del 1997 con tubazioni termoplastiche e congiunzioni in alluminio. STS è l’acronimo di Single Tube Suspension

Le misure (Rilevate – taglia M)

  • Peso 15,9 kg (senza pedali, con gomme Vittoria Agarro da 2,35″ invece della Maxxis Minion DHF da 2,5″ e DHR II da 2,4″)
  • Verticale reale 440 mm c/f, virtuale 600 mm c/c
  • Superiore reale 550 mm c/c, virtuale 595 mm c/c
  • Angoli (valori dichiarati, pos. Low, +0,5° in pos. High): sella 76,6° – sterzo 64,6°
  • Passo 1.225 mm
  • Carro 442 mm
  • Standover 780 mm
  • Altezza movimento centrale 350 mm
  • Stack 615 mm, reach 445 mm

Per informazioni: gtbicycles.com